Cerca

Future Nostalgia: la disco music di Dua Lipa

Scritto da Lucia Addona / March 30, 2020

Non capita spesso di raggiungere il successo internazionale all’album di debutto, ma Dua Lipa è una delle eccezioni. Dopo aver vinto lo scorso anno come Best New Artist ai Grammy Awards, l’attenzione intorno al suo secondo album era decisamente alta. “Future Nostalgia” ha però messo tutti d’accordo, critici più rigidi compresi, i quali hanno osannato l’album e Dua come una delle più grandi popstar del panorama internazionale attuale. Un album revival che riassume 30 anni di pop, partendo dalla disco music passando dagli anni ‘90 fino ai primi 2000. Citando Gwen Stefani, Madonna, Blondie e molte altre come fonte di ispirazione, Dua Lipa è riuscita a creare un sound originale partendo dalle origini.

“Non mi sono mai sentita così a mio agio come nell’incidere questo album […] sono grata alle persone che mi hanno spronato a scavare a fondo e creare qualcosa di divertente, coerente e far mia la musica che sentivo da bambina”, ha affermato la cantante.
L’album ha infatti quel tocco nostalgico ma contemporaneo: Future Nostalgia non a caso.

Il disco si apre con la title track “Future Nostalgia”, che con le sue sonorità electro funk mette da subito le cose in chiaro, e non solo a livello musicale. Uno dei temi ricorrenti nel disco è infatti l’empowerment femminile, dimostrazione della presa di coscienza di una Dua non più adolescente, che non ha intenzione di stare in silenzio ma esprime decisa la sua opinione: “No matter what you do, I’m gonna get it without ya / I know you ain’t used to a female alpha”. Pubblicato lo scorso anno come singolo di lancio, “Don't Start Now” si presenta da subito come tormentone da piste da ballo grazie al coinvolgente nuovo sound: “Ho deciso di pubblicare questa canzone per prima in modo che potessi chiudere un capitolo della mia vita e aprirne uno nuovo. Una nuova era con nuove sonorità” aveva spiegato Dua. La terza traccia è “Cool”, che trasporta piacevolmente a quella che è indubbiamente una delle canzoni migliori di questo album: “Physical” è un pezzo dance degno della soundtrack di un workout di Jane Fonda. Non a caso per lanciare il singolo, oltre al video ufficiale, Dua ha pubblicato anche un suo personale workout mettendo così in risalto il suo Pop Aerobico.

Il disco riprende con “Levitating”, un altro pezzo perfettamente pop in cui l’artista ci invita a ballare con lei…e come dire di no?! La traccia numero 6 è “Pretty Please”, che scritta insieme alla cantautrice Julia Michaels e accompagnata da bassi synth, mette in risalto il perfetto falsetto di Dua Lipa. Con “Hallucinate” la popstar si assicura senza ombra di dubbio un altro successo. “Love Again” in perfetto stile disco music, precede un’altra delle canzoni di punta di “Future Nostalgia”: “Break My Heart” scritta intorno al loop di chitarra funk (ma basso nella versione di Dua) di “Need You Tonight” degli INXS. Il brano parla dell’essere così innamorati da aver paura di perdere il nuovo amore e rimanere con il cuore spezzato: “Am I falling in love with the one that could break my heart?”. Il disco si chiude con “Good in Bed” dove ritroviamo un pre-ritornello alla Ariana Grande e “Boys Will Be Boys”, una canzone inno al girl power, nella quale Dua prende posizione contro una società maschilista, dimostrando ancora una volta che non ha problemi a dire la sua: “boys will be boys/but girls will be women”.

Se nel primo disco Dua cantava di amori perduti con questo album acquista consapevolezza e mette sé stessa prima di tutto, senza aver bisogno di nessuno al suo fianco (anche se è proprio così che canta di aver trovato nuovamente l’amore). Un disco impossibile da ascoltare seduti che fa divertire, ballare, cantare (e anche allenare), il tutto guidati dalla nuova protagonista del pop: Dua Lipa.

TRACKLIST:

1. Future Nostalgia 
2. Don't Start Now 
3. Cool
4. Physical
5. Levitating
6. Pretty Please 
7. Hallucinate
8. Love Again 
9. Break My Heart 
10. Good in Bed 
11. Boys Will Be Boys

Nell'attesa dello show sold out di Dua al Mediolanum Forum di Milano il prossimo 10 febbraio, potete ascoltare qui il nuovo album Future Nostalgia.

ASCOLTA
Torna Su